ENDODONZIA ORTOGRADA

Quando la carie o altri fattori coinvolgono la parte più interna del dente cio è la polpa, il sintomo dolore può essere molto forte. Se il danno è irreversibile allora diventa necessario rimuovere il tessuto pulpare dai canali radicolari e sigillare con del materiale inerte tutti gli spazi vuoti rimasti (devitalizzazione).

Questa procedura è di fondamentale importanza nel mantenimento a lungo termine dell’elemento dentario, e visto il ristretto campo operatorio è importante procedere con strumenti d’ingrandimento adeguati. Un trattamento endodontico d’elezione, eseguito con tecniche e strumenti appropriati, spesso può cambiare la prognosi di denti estremamente compromessi,i evitandone l’estrazione e la sosituzione protesica.

endodonzia-0

Fig. 1: Trattamento endodontico di un dente con irreversibile compromissione della polpa. Da osservare la completa guarigione dei granulomi apicali (indice di infezione batterica) in seguito al trattamento (vedi frecce). Se rimangono degli spazi vuoti nel sistema radicolare questi possono essere colonizzati dai batteri e dare origine ad ascessi o granulomi.

endodonzia-1

Fig 2: Le immagine mostrano un importante rarefazione ossea in seguito ad un trattamento endodontico non congruo. Il rifacimento dello stesso ha risolto completamente la patologia. Anche per questa disciplina non si può prescindere dall’utilizzo della diga e dei sistemi di ingrandimento in modo da visualizzare il meglio possibile il ridotto campo operatorio.

endodonzia-2

Fig 3: Immagini al microscopio di camere pulpari di elementi dentari. 

 

ENDODONZIA CHIRURGICA

La Micro Endodonzia Chirurgica è una specialità dell’ Odontoiatria, che vede l’impiego di tecniche chirurgiche per la risoluzione di patologie endodontiche. Attraverso l’utilizzo del Microscopio Operatorio, l’endodontista esperto esegue interventi chirurgici con lo scopo di ottenere la guarigione di malattie pulpari non curabili con l’endodonzia tradizionale (ortograda).

Praticando un lembo chirurgico a livello gengivale e mucoso, si raggiungono i distretti radicolari in cui è presente la patologia infiammatoria: nel caso dei Granulomi ( infiammazioni periapicali croniche), si interviene negli ultimi millimetri degli apici delle radici, asportandone una porzione e otturando i canali radicolari con materiali specifici(otturazione retrograda).

Schermata_02-2455985_alle_14.30.03

Immagine al microscopio operatorio di un apice radicolare durante la fase della preparazione del canale con punta da ultrasuoni nel corso di una apicectomia.

HAI UN PROBLEMA DA RISOLVERE? COMPILA I CAMPI DI SEGUITO E SARAI CONTATTATO DA UN NOSTRO ESPERTO CHE POTRA’ CONSIGLIARTI LA MIGLIORE SOLUZIONE

Il tuo nome

La tua email

Il tuo telefono