implantologia

Implantologia per il paziente edentulo: protocolli semplificati.

I più recenti protocolli terapeutici, uniti alle moderne tecnologie consentono terapie implantari a bassissima invasività per il paziente e tempi di trattamento ridotti.

I vantaggi offerti da queste nuove modalità di trattamento sono certamente accentuati nella terapia del paziente completamente edentulo che soffre di problemi estetici, funzionali, nutrizionali e psicosociali. Gli elementi che hanno rivoluzionato i vecchi protocolli terapeutici sono stati: il carico immediato, la chirurgia guidata e la sedazione cosciente.

Per carico immediato si intende la possibilità di utilizzare immediatemente gli impianti per sostenere una protesi provvisoria senza attendere i tradizionali 4/6 mesi circa dal momento dell’installazione. Questo significa che pazienti portatori di protesi mobile possono sostituire immediatamente la dentiera con una protesi di tipo fisso, e i pazienti non portatori di protesi mobile, ma che necessitano di una bonifica completa, possono anch’essi avere subito una protesi fissa.

Questa procedura è attuabile in molte situazioni cliniche in relazione alla quantità e qualità dell’osso residuo.

La chirurgia guidata rappresenta sicuramente la novità più significativa che ha interessato l’implantologia negli ultima anni. Questo strumento consente di fare una progettazione virtuale del trattamento implantare, valutando con estrema precisione l’anotomia ossea del paziente in relazione ai parametri protesici individuali.

In primo luogo è quindi uno strumento di diagnosi di grande importanza a favore della sicurezza per il paziente e di una adeguata progettazione.

Una volta terminata la fase di studio e progettazione, una dime chirurgica permetterà all’operatore di posizionare gli impianti in bocca al paziente, secondo il progetto già predeterminato al computer , ed infine la protesi fissa provvisoria anch’essa costruita prima della fase operativa. Se l’anatomia ossea lo consente, l’installazione implantare può avvenire senza l’apertura di un lembo chirurgico e quindi a terapia conclusa non saranno necessari nemmeno i punti di sutura.

La sedazione cosciente è una tecnica anestesiologica che prevede un controllo della componente psico emotiva del paziente, riducendo quindi l’ansia e tutte le sue conseguenze a livello cardiocircolatorio. Viene praticata da un Medico Anestesista ed ha il vantaggio di rilassare e monitorare il paziente durante la procedura.

Per vie endo-venose si somministrano al paziente piccole quantità di farmaci ansiolitici che non alterano lo stato di coscienza ma attenuano gli effetti della tensione. Si ottiene una stabilizzazione della pressione sanguigna sui valori di riposo e si eliminano quei fastidi spesso presenti come eccesso di salivazione, stimolo del vomito e difficoltà a mantenere la posizione richiesta dall’odontoiatra.

Il paziente è monitorizzato per una maggiore sicurezza dell’intervento stesso. Anche tutte le complicazioni post-operatorie come il dolore ed il gonfiore sono pressoché annullate. Nonostante il paziente esca dallo studio in modo totalmente autonomo non deve guidare bici, moto e auto per le prime 4 ore dopo l’intervento.

Questo protocollo è particolarmente efficace nel trattare PAZIENTI FOBICI o PAZIENTI CON PATOLOGIE SISTEMICHE, poichè il completo monitoraggio del paziente durante le procedure e la possibilità di somministrare farmaci per via endovenosa, in caso di necessità, consente di intercettare e gestire prontamente le eventuali complicanze.

Gli enormi vantaggi offerti da questo approccio anestesiologico, ci hanno spinto a estendere questo metodo di lavoro anche a pazienti in buone condizioni di salute, non fobici, ma candidati a terapie chirurgiche invasive e/o di lunga durata. Così facendo il paziente ha un miglior comfort operatorio e post-operatorio.

Author Info

admin